Nuovi smartphone Xiaomi in arrivo

xiaomi-logo-big
Lei Jun, CEO di Ciaomi, ha affermato che Xiaomi ha intenzione di incrementare la produttività dei propri impianti, con particolare attenzione alla produzione di smartphone a prezzi abbordabili.
L’analista Kevin Wang ha previsto che Xiaomi possa vendere ben 20 milioni di dispositivi nel terzo trimestre 2016, e certamente sarà importante per il raggiungimento di tale risultato la presentazione di nuovi modelli di smartphone. Oltre agli attesi Xiaomi Mi 5S e Mi Note 2 l’azienda dovrebbe introdurre sul mercato diversi smartphone di fascia media o bassa, come il nuovo modello di RedMi Note. L’azienda cinese ha già affermato di voler aprire dei negozi fisici, ma sarà importante per il produttore di smartphone riuscire ad aprire un canale diretto con il mercato occidentale per vendere i propri smartphone sul mercato internazionale senza affidarsi agli importatori e dedicando maggiore attenzione alle esigenze degli altri mercati nel corso della progettazione dei devices.
Ad ogni modo l’azienda si prepara al lancio di 2 nuove proposte top: Xiaomi Mi 5s e Xiaomi Mi Note 2.

 

Mi-5s-render
Xiaomi Mi 5s dovrebbe essere rilasciato durante il mese di agosto, introducendo diverse migliorie rispetto all’attuale flagship dell’azienda cinese.
Mi 5s dovrebbe essere realizzato quasi interamente in vetro e avere un dislay curvo e sensibile alla pressione (e offrire quindi la declinazione Xiaomi del 3D Touch), in maniera tale da seguire la tendenza dei più importanti flagship disponibili attualmente sul mercato. Per fare ciò il dispositivo potrebbe implementare anche una doppia fotocamera posteriore; caratteristica che potrebbe essere confermata da un possibile rendering del dispositivo circolato in rete.
Il SoC dovrebbe essere il Qualcomm Snapdragon 820 con maggiore frequenza di clock rispetto a Mi 5 (il che potrebbe suggerire anche l’adozione di uno Snapdragon 821).

Snapdragon 821 che con più probabilità dovrebbe equipaggiare lo Xiaomi Mi Note 2, il nuovo dispositivo di punta di Xiaomi con uno schermo da 5.7″.
Similmente a quanto accaduto con il Mi 5, Mi Note 2 dovrebbe essere disponbile in 3 varianti: quella meno performante dovrebbe avere, una fotocamera posteriore singola e una ricarica meno rapida; la versione intermedia potrebbe avere una doppia fotocamera posteriore e supporterebbe la ricarica ultra rapida; infine, il Mi Note 2 top dovrebbe essere equipaggiato con doppia fotocamera, ricarica ultra rapida e schermo “edge”, curvo sui lati lunghi. Xiaomi ha curato anche il reparto audio di questi dispositivi, introducendo un chip Hi-Fi (per tutte le versioni). La RAM dovrebbe essere di 4 GB LPDDR4 per le versioni meno prestanti, mentre per quella top Xiaomi avrebbe scelto di seguire la strada mostrata da Zuk e OnePlus, proponendo cioè ben 6 GB di RAM. Lo schermo raggiungerebbe il QuadHD sulla versione top, mentre rimarrebbe FullHD per le altre due.

xiaomi-logo
Liwan Jiang, vice presidente anziano di Xiaomi, ha comunicato la certezza che nel 2016 la sua compagnia commercializzerà uno smartphone dal prezzo molto elevato. Il costo sarebbe di circa 4000 Yuan (circa 540 euro al cambio attuale) e la possibilità più probabile è che si tratti del prezzo della versione top di Xiaomi Mi Note 2, che si scontrerà certamente con il Samsung Galaxy Note 7, il nuovo phablet del produttore sud coreano che dovrebbe essere presentato il prossimo 2 agosto e che si vocifera possa avere un prezzo di 850 Euro circa.

Per quanto riguarda la fascia media e bassa della gamma, per ora sappiamo dell’arrivo dello Xiaomi Redmi Note 4, che potrebbe disporre di 3 o 4 GB di memoria RAM, display FullHD e fotocamera posteriore da 13 o 16 MP. Il device dovrebbe essere proposto a circa 135 Euro (al cambio) con Android 6.0 Marshmallow.
Per quanto riguarda la CPU fino ad ora si era parlato di uno Snapdragon 652, ma sul portale GeekBench è comparso uno smartphone Xiaomi, nominato Redmi Pro, con a bordo il MediaTek Helio X25 (MT6795T) e GPU Mali T880.
Xiaomi-Redmi-Pro-GeekBench
Lo smartphone raggiunge però il punteggio di 1847 nel single-core e 4761 nel multi-core, mentre il Meizu Pro 6, che monta la stessa CPU, raggiunge risultati fra i 5000 e i 6000 punti nel multi-core.

s_effdbc373c954290acab75852c3facdf-2-194x400cd4d63d1546a4ac08d76954db085d0e2-231x400
Sulla rete sono apparse due fotografie del retro di un nuovo smartphone Xiaomi, caratterizzato da un corpo in metallo con bordi curvi su cui spiccano due fotocamere poste però l’una sopra l’altra e separate da un doppio flash LED. Potrebbe trattarsi proprio dello Xiaomi Redmi Note 4: in primo luogo il flash LED, ricorda molto quello dello Xiaomi Redmi Note 3; inoltre nella seconda foto si vede l’attore cinese Liu Haoran, recentemente divenuto testimonial della gamma Redmi di Xiaomi, con in mano il dispositivo che, di conseguenza, potrebbe realmente trattarsi dello Xiaomi Redmi Note 4.
Il device nelle foto, per via delle due fotocamere posteriori, non presenta un sensore di impronte digitali nella parte anteriore, ma non crediamo che ciò ne escluda la presenza, ma piuttosto che Xiaomi abbia deciso di adottare un approccio simile a quello del Mi 5, con il lettore di impronte digitali sul fronte.
Continuate a seguire con noi l’evoluzione della gamma Xiaomi e del modello di business della casa cinese!
Precedente Nuovi Samsung serie J Successivo Offerte Amazon 07/2016 #1